Le nostre società sono caratterizzate da rapide trasformazioni che interessano vari aspetti del benessere. Le ondate migratorie, l’urbanizzazione, la tecnologizzazione della vita quotidiana, le condizioni ambientali-climatiche, gli andamenti demografici risultano essere tanto causa quanto conseguenza di fenomeni più generali tipici della post-modernità quali la globalizzazione, le condotte di vita sempre più individualizzate, i processi di secolarizzazione.

Compito dei ricercatori è quello di monitorare i mutamenti sociali, economici, culturali, politici e ambientali contemporanei e, nel caso degli studiosi della qualità della vita, di stimare in che misura il benessere sociale ed economico risente di tali mutamenti, sia sotto il profilo della concettualizzazione teorica (cosa intendiamo per qualità della vita oggi rispetto a 20 anni fa quando il tema entrò a pieno titolo a far parte del dibattito accademico?) sia per quanto concerne le traiettorie metodologiche (quali nuovi indicatori e tecniche innovative possiamo utilizzare per leggere questi mutamenti?) e di analisi (quali sono gli esiti delle ultime ricerche in merito al rapporto tra mutamenti sociali e qualità della vita in Italia e all’estero?).

Il convegno, in quella che è ormai una tradizione consolidata di AIQUAV, intende inoltre stimare le ricadute a livello locale di fenomeni che presentano dimensioni globali, prendendo in considerazione, anche in chiave comparativa, le esperienze di ricerca e di intervento che riguardano territori circoscritti. Infine, di particolare interesse saranno i papers volti ad analizzare, attraverso il ricorso a dati in serie storica, l’evoluzione delle principali tematiche rientranti nei domini della qualità della vita.